RETRÒ and DESIGN: Come scegliere IL TUO progettista

Come scegliere IL TUO progettista

In questo articolo sintetizzo quali sono secondo me i criteri di scelta del progettista al quale affidare la ristrutturazione della tua casa o del tuo appartamento.





Per farlo prendo spunto dalla mia quotidianità, quindi dal mio approccio e dal mio modo di guidare le persone attraverso "il viaggio della ristrutturazione".


[perchè, diciamolo!, di un viaggio vero e proprio si parla, durante il quale vorrai avere una guida che ti faciliti e ti faccia apprezzare l'intero processo]




In questo articolo non troverai nessuno step tecnico, nè una lista di "to do".



Ma troverai dei princìpi che io ritengo basilari e che, secondo me, sono dei buoni motivi per scegliere un progettista rispetto ad un altro.


Spero di non tralasciare nessun punto importante, se lo farò sarà mia cura aggiornare nel tempo questa lista.


Non perderti altri consigli che ti potrebbero essere utili e che ti spedisco con la newletter che riceverai scaricando anche l'e-book Gratuito che ti guida nei tuoi primi passi verso la tua ristrutturazione.



CRITERI DI SCELTA DEL TUO
"ANGELO CUSTODE"

1.      Rispondere sempre alle tue telefonate (o, se ne perde una, richiamarti)
2.      Essere esperto per il tipo di lavoro che gli/le stai chiedendo
3.      Incontrarti subito per conoscerti e parlare, per ascoltare le tue esigenze
4.      Sentite le tue esigenze, dirti con onestà se può essere la soluzione migliore per il tuo progetto (in caso non lo sia, vedi punto 5)
5.    Indirizzarti verso qualcuno che possa meglio soddisfare le tue esigenze, se lo conosce
6.      Entrare in relazione con te: i progetti nascono dalle persone e per dare soluzioni a richieste
7.      Stare al tuo fianco per l'intero percorso
8.      Fare il tuo interesse SEMPRE, essere il tuo occhio vigile
9.      Trattare i tuoi soldi come fossero i suoi
10.  Saperti Sconsigliare un'idea che non vale la spesa
11.  Essere una persona con la quale ti relazioni con piacere (il viaggio sarà lungo!)
12.  Aggiungere qualità al lavoro che farebbe chiunque altro
13.  Non farsi sottopagare: in termini di qualità si ha quello che si paga