Chalk Paint, il miracolo fattosi vernice

Da qualche settimana navigo in rete incuriosita dalla Chalk Paint di Annie Sloan.
Sicuramente moltissimi di voi la conosceranno già o l'avranno già sentita nominare.
Io, pur conoscendola, non mi ero mai interessata seriamente a questo prodotto...ma caspita, merita!
Ideata e composta dalla mente creativa di Annie Sloan, questa vernice coniuga praticità, bellezza nonchè una gamma di colori e di effetti unica.
Opaca, densa e gessosa è perfetta per i progetti in stile shabby chic, ma sarebbe riduttivo usarla solo per quelli; infatti si può usare su tessili, metallo, muri, legno, vetro, formica...e tutto ciò che la fantasia suggerisce.
I meravigliosi 33 colori si possono mixare per ottenere sfumature inedite, che fanno brillare gli occhi.
Primaria peculiarità di questa vernice (e qui veniamo al perché è particolarmente interessante) è la sua facilità di applicazione. Secondariamente, ma non si minor importanza, la resa notevole (13 mq al litro) e l'altissimo potere coprente, che rende a volte possibile anche la stesura di una sola mano di vernice.
Non richiede fondo e aggrappa su (quasi) qualsiasi superficie senza carteggiare. Insomma, un sacco di tempo risparmiato!
Non mi sono ancora cimentata in nessun progetto, che richiede una pennellata evidente per un effetto imperfetto e un po' vintage. Ad oggi non ho ancora trovato uno smalto veramente "gessoso", nemmeno in quei marchi italiani che promettono tale effetto (ne ho provati un paio...). Vedremo se Chalk Paint manterrà la promessa.

Per ora, non mi (e vi) resta che fantasticare un po' con me, se vi va, prendendo spunto da queste realizzazioni.
Solo vederne la gamma cromatica fa venir voglia di armarsi di pennello e imbrattarsi un po'.
Che ne pensate?
E per chi volesse muovere i primi passi, sul sito di Annie si trovano anche interessanti tutorial, nonchè numerose ispirazioni che fanno venir voglia di fare un ordine...chissà, magari per Natale!

Un piccolo trilocale da ristrutturare

Parliamo oggi di questo piccolo trilocale di circa 64 mq calpestabili.
La planimetria che vedete nell'immagine rappresenta lo stato di fatto, ovvero la situazione allo stato attuale.
La richiesta del cliente è quella di effettuare uno studio di fattibilità per una ristrutturazione, ovvero di valutare come questa unità immobiliare possa essere modificata in fase di ristrutturazione.



In questi casi come si procede?

1. Rilievo dell'esistente e sua rappresentazione planimetrica;
2. Studio della normativa tecnica comunale vigente.